-->

Chionodoxa: Curiosità, Specie e Metodo di Coltivazione

Chionodoxa: Curiosità, Specie e Metodo di Coltivazione

Rosa, blu, bianco, viola; i colori della Chionodoxa sono uno spettacolo per gli occhi. Dopo l’Allium, gli Anemoni, e il Colochortus, oggi vi parleremo di un’altra specie, originaria dell’Asia minore, appartenente alla famiglia delle bulbose autunnali: la Chionodoxa, una bulbosa che produce piccoli fiori a forma di stella.

Chionodoxa: curiosità

La parola Chionodoxa deriva dal greco chion (neve) e doxa (gloria),  in inglese è Glory-of-the-snow. Questa bulbosa produce piante composte da uno stelo di 10-15cm e da due foglie a nastro. I fiori bicromatici di questa bulbosa sbocciano nella stagione primaverile, solitamente tra marzo e aprile e hanno una particolare forma a stella.

E’ una specie molto resistente agli attacchi dei parassiti, attenzione però alle lumache e alle formiche che sono ghiotte dei semi prodotti dalle infiorescenze.

Le Specie di Chionodoxa più Comuni

Riportando Garden.org, esistono 10 bulbose perenni a forma caduca appartenenti  a questa specie, le specie più diffuse sono: 

Gigantea

Alta circa 20 cm, ha fiori di color azzurro-violetto pallido, larghi 2-3 cm con la parte centrale bianca.

Sardensis

Alta 10-15 cm, ha il bulbo più piccolo, foglie ripiegate e fiori larghi 2 cm color azzurro-cielo con centro bianco che compaiono da marzo ad inizio maggio.

Lucilea

La specie Chionodoxa Lucilea sinonimo C. Gigantea, predilige una posizione soleggiata o lievemente ombreggiata e può raggiungere l’ altezza di 15 cm. I fiori, di colore blu con base chiara tendente al bianco, sbocciano nei mesi primaverili.

Pink Giant

La specie Chionodoxa Pink Giant, predilige una posizione soleggiata o lievemente ombreggiata e può raggiungere l’ altezza di 15 cm. La messa a dimora è consigliata nei mesi autunnali. I fiori, di colore rosa con base chiara tendente al bianco, sbocciano nei mesi primaverili.

Chionodoxa: preparazione del terreno, messa a dimora e cura delle bulbose

Questa bulbosa è molto indicata per giardini rocciosi e si presta bene all’inselvatichimento.

La Chionodoxa predilige superfici fresche, ben drenate e ricche di materia organica: concime organico, sabbia e terriccio da composter sono l’ideale.

Per la messa a dimora consigliamo il periodo autunnale. I bulbi vanno interrati a una profondità di in gruppi di circa 8-10 cm, preferibilmente in gruppi di 20-25 elementi.  Per il posizionamento, la distanza indicata è di circa 3-6 cm tra un bulbo e l’altro.

Le bulbose vanno irrigate nel periodo estivo. Inoltre, nel periodo vegetativo, quello compreso fra marzo e luglio, vanno innaffiate con regolarità, il terreno dovrà essere per lo più umido. In autunno invece, i bulbi vanno ricoperti con terriccio o concime organico.

Hai trovato utile questo articolo? Se hai dubbi o domande, inserisci un commento qui sotto!



Articoli correlati

Coltivazione dello Zafferano: Quanto si può Guadagnare?
Coltivazione dello Zafferano: Quanto si può Guadagnare?
La coltivazione dello zafferano può regalare tante soddisfazioni ed è certamente affascinante agli occhi degli appass...
Leggi
Zafferano in Italia: le Varietà Regionali e la Coltivazione
Zafferano in Italia: le Varietà Regionali e la Coltivazione
Lo zafferano è una spezia molto conosciuta e apprezzata in tutto il mondo che viene utilizzata in cucina, nella cosme...
Leggi
Problemi di Forfora? Una Dieta Salutare può Aiutarti
Problemi di Forfora? Una Dieta Salutare può Aiutarti
L'organismo, in certi momenti della vita, tende ad essere particolarmente reattivo. Questo stato produce spesso e vol...
Leggi

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati