-->

Coltivazione dello Zafferano: Quanto si può Guadagnare?

Coltivazione dello Zafferano: Quanto si Guadagna?

 

La coltivazione dello zafferano può regalare tante soddisfazioni ed è certamente affascinante agli occhi degli appassionati, di molti agricoltori e di chi ha deciso di dedicarsi ad un mestiere legato alla terra. Bisogna però fare alcune precisazioni perché il pregio e il prezzo di questa spezia sul mercato possono confondere e dare false speranze a chi pensa di arricchirsi velocemente e facilmente con uno zafferaneto.

Come tutte le produzioni agricole, anche quella dello zafferano comprende tutta una serie di fasi ed operazioni che hanno un costo di tempo e di denaro. Se hai intenzione di dedicarti a questa coltura e vuoi farti un’idea dell’investimento richiesto e del possibile guadagno, continua a leggere questo articolo.

Coltivazione dello zafferano: i costi iniziali

Avviare uno zafferaneto non è un’impresa impossibile ma richiede un investimento iniziale che devi tenere a mente e inserire nel tuo business plan. Se hai dimestichezza con le attività agricole, puoi immaginare le spese da inserire all’interno del tuo piano: terreno, attrezzi, spese burocratiche, concimi, bulbi, etc.


"Coltivare Zafferano per Profitto" by Aaron Martinez

 

Nello specifico, il costo d’avvio può essere suddiviso in due grandi gruppi: le spese agricole, che comprendono l’acquisto del terreno, dei bulbi e degli attrezzi, e le spese burocratiche, come l’apertura della partita IVA, l’istituzione dell’azienda agricola e la registrazione alla camera di commercio. Queste ultime operazioni possono essere un po’ più complicate se sei alle prime armi. In questo caso può essere utile rivolgersi a un centro di assistenza agricola.

In merito alle attrezzature, in genere all’inizio servono pochi macchinari come il motocoltivatore, che si può trovare in commercio per circa 1000 euro. Vediamo ora cosa prendere in considerazione per l’acquisto dei bulbi.

Coltivazione dello Zafferano: Quanto si può Guadagnare?
Comprare i bulbi

La fioritura dello zafferano è fondamentale per ricavare i pregiati stimmi, che stanno alla base per l’ottenimento della spezia. Il crocus sativus però non produce semi e, se vuoi avviare una coltivazione, devi obbligatoriamente procurarti dei bulbi. Questi ultimi sono gli elementi principali che consentono a un coltivatore di ottenere un buon risultato e guadagnare; per questo è importante valutarne la qualità, la dimensione e affidarsi a un fornitore serio e conosciuto. Il prezzo dei bulbi è abbastanza alto ma una volta ottenuti dei cormi sani e produttivi, la coltivazione risulterà più facile e fruttuosa.

I costi dalla raccolta alla vendita

Ora che abbiamo visto il costo dell’investimento iniziale, bisogna pensare alle spese incluse nelle operazioni che seguono la raccolta. Infatti le azioni da fare sono diverse e per portare il tuo prodotto nei negozi ti occorre pulire, essiccare, confezionare e stoccare lo zafferano. Per fare questo ti servirà forza lavoro, macchinari come l’essiccatore, un magazzino etc.

Oltre a ciò sarà necessario occuparsi o affidare a  qualcuno tutta quella parte di marketing che consentirà alla tua azienda di essere conosciuta e al tuo zafferano di essere acquistato.

Coltivazione dello Zafferano: Quanto si può Guadagnare?

E il guadagno?

Fino ad ora abbiamo parlato dei costi, ma è possibile ricavare un buon reddito dalla coltivazione dello zafferano? In realtà non esiste una vera e propria risposta perché bisogna prendere in considerazione molti fattori. Come tutte le attività, è importante avere un piano ben strutturato e comprendere a fondo i costi e i ricavi del proprio lavoro per poter ottenere degli ottimi risultati. 

Esistono comunque degli elementi che possono aiutare a crescere e a rendere più redditizio il tuo zafferaneto.

Partiamo dalla spezia vera e propria, che in teoria dovrebbe essere il cuore del tuo commercio. La maggiore produttività del bulbo, che si può legare alle maggiori dimensioni dello stesso, ti permetterà di ottenere più prodotto. Fondamentale anche saper arrivare ai clienti giusti attraverso un buon lavoro pubblicitario e canali di vendita efficaci e diversificati.

Naturalmente per fare questo richiede più impegno e un maggiore investimento ma, se fatto bene, porterà a dei risultati notevoli.

In secondo luogo, non devi pensare che la spezia pura sia l’unica fonte di guadagno perché puoi mettere in commercio o contribuire alla realizzazione di una serie di prodotti derivati che rientrano in settori redditizi come la cosmetica e la gastronomia.

Anche i bulbi possono essere venduti e inoltre, se sei un esperto del settore, puoi pensare di offrirti come formatore e insegnare ai nuovi agricoltori a coltivare il proprio zafferaneto.

In poche parole, le idee possono essere tante e interessanti, l’importante è saperle metterle in pratica con attenzione e giudizio. Se questo articolo ti è piaciuto e vorresti approfondire l’argomento, acquista il nostro libro "Coltivare Zafferano per Profitto" e scopri anche tu le caratteristiche e le tecniche di produzione e coltivazione dello zafferano.

 



Articoli correlati

Marketing Agricolo: #1 - Capire il Mercato dello Zafferano!
Marketing Agricolo: #1 - Capire il Mercato dello Zafferano!
Come funziona il mercato dello Zafferano oggi? Non voglio annoiarti passando in rassegna i numeri del mercato dello z...
Leggi
Zafferano Toscano: da Pianta Tintoria a Spezia Prelibata
Zafferano Toscano: da Pianta Tintoria a Spezia Prelibata
  Lo zafferano toscano è una spezia pregiata che è riuscita a conquistarsi un posto nell’Olimpo delle spezie italiane...
Leggi
Zafferano Sardo: le Origini, la Tradizione e la Produzione
Zafferano Sardo: le Origini, la Tradizione e la Produzione
  Lo zafferano sardo è un prodotto di antica tradizione che nei secoli si è affermato sia in Italia che a livello int...
Leggi

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati