-->

Come Coltivare un Orto per Produrre da Soli Ortaggi e Verdure

Come Coltivare un Orto per Produrre da Soli Ortaggi e Verdure

Sapere come coltivare un orto, come produrre ortaggi, come produrre verdure, è un sapere antico che corre di pari passo con l’evoluzione dell’uomo.

Oggi più che mai si sente l’esigenza di rimettere le mani dentro la terra e ricominciare a godere dei suoi frutti, soddisfatti del fatto che ogni pomodoro, ogni peperone,  ogni carota è intrisa del sudore della nostra fronte e dell’amore che gli abbiamo dedicato.

In un mondo che marcia sempre più verso il veganesimo e che ha già superato da tempo sia il mondo dei flexitariani (chi ha un’alimentazione a base sia di carne che di ortaggi, verdura frutta pur prediligendo questi ultimi), sia dei vegetariani, riscoprire nuovamente come coltivare un orto in proprio sembra essere un dovere più che un piacere e diventa la regola non l’eccezione.

Sempre più persone abbandonano la carne e decidono di cibarsi con quello che la natura ha da offrirgli e sempre più uomini e donne  vogliono  diventare produttori di quello che mettono sulle loro tavole.

Ecco allora che diventa fondamentale la conoscenza.

Ecco che diventa  importantissimo acquisire tutto il sapere disponibile su come coltivare un orto con le proprie mani, partendo dalle tecniche tradizionali fino ad arrivare, pian piano, a tutto ciò che il mondo orticolo ha da offrirci.

Tutto questo per un semplice motivo: è la conoscenza che ci rende liberi perché ci mette nelle condizioni di scegliere.

Come coltivare un orto partendo da zero

Sempre più persone si interrogano, quindi, su come iniziare a coltivare un orto e i dubbi iniziali sono sempre gli stessi:

  • conviene coltivare un orto?

  • Quanto tempo dovrò dedicarci?

  • È per forza necessario avere tanta terra?

  • Da dove si inizia e come si coltiva un orto?

  • Cosa occorre?

Non tutti abbiamo avuto la fortuna di nascere in famiglie che da generazioni si tramandano queste antiche conoscenze.

Oggi tuttavia abbiano la possibilità di reperire tutte le informazioni che cerchiamo e, se andiamo sino in fondo perché la materia ci interessa, abbiano la possibilità nel contempo di approfondire gli argomenti sino a diventare esperti in materia, anche perché in fondo un esperto è chi ha commesso tutti i possibili errori (ed ha trovato le soluzioni) in una determinata branca.

Come coltivare un orto: da dove iniziare

Come Coltivare un Orto per Produrre da Soli Ortaggi e Verdure

In un precedente articolo avevamo visto che il punto di partenza per iniziare a coltivare un orto si componeva in vari step:

  • acquisizione delle informazioni utili

  • fare scelte oculate

  • studio degli spazi

  • progettazione degli ambienti

Questo primo studio è fondamentale per la riuscita del nostro futuro orto.

Ammesso, infatti che abbiamo uno spazio a disposizione in cui il nostro orto sarà installato, che sia in campo aperto, in giardino, in terrazzo, persino in vaso in balcone o direttamente in casa, come vedremo prossimamente, dobbiamo fare sempre i conti con due aspetti che determineranno gran parte delle scelte future:

  • microclima

  • esposizione

Questi aspetti condizioneranno praticamente tutto, dalla scelta degli ortaggi e della verdura da seminare o piantare, alla scelta delle tecniche da adottare.

Le ragioni sono ovvie!

Il luogo che ospiterà l’installazione del nostro futuro orto non potrà essere spostato fisicamente quindi è l’uomo che deve conformarsi ad esso e non viceversa.

L’altro fattore determinante sarà naturalmente lo spazio che abbiamo a disposizione per l’installazione dell’orto nonché l’ubicazione fisica.

Ovvio che avere un orto in campo aperto è ben diverso da avere un orto in terrazzo o in balcone.

Anche se sulla carta è possibile, ad esempio, fare agricoltura sinergica praticamente ovunque, sfido chiunque a lasciare le galline razzolare sul terrazzo condominiale indisturbate.

Detto ciò, possiamo iniziare a progettare gli spazi, dividendoli in base alle nostre scelte.

Come ricordato, si raccomanda l’uso di carta, matita e gomma.

Se non hai idea di come iniziare a fare questo progetto, c’è un articolo da cui puoi prendere validi spunti. Fa riferimento a come coltivare un orto in giardino ma, come hai compreso,  può essere generalizzato a tutte le diverse coltivazioni orticole.

 APPROFONDISCI ORA

Come coltivare un orto: le tecniche

Come Coltivare un Orto per Produrre da Soli Ortaggi e Verdure

In rete gira da tempo un video in cui si chiede a dei bambini (piccoli per fortuna) da dove nasce un carota…

La loro risposta?

Dal banco del supermercato!

Si lo ammetto anch’io ho riso tanto, salvo poi iniziare a riflettere.

Ma davvero i nostri figli hanno perso così tanto il contatto con il mondo e con la terra?

Non è forse il caso di fargli riprendere contatto con l’elemento che da sempre ci sostiene e ci alimenta magari stimolando il loro interesse?

Sicuramente ci saranno uomini e donne migliori in futuro che contribuiranno anche a far evolvere le tecniche di coltivazione.

La terra, infatti,  può essere coltivata in tantissimi modi diversi ed altre tecniche di coltivazione nasceranno presto.

La scienza (botanica, agraria, ecc.), la tecnologia, persino l’olistica, hanno mutato nel tempo le nostre abitudini lavorative.

Oggi, accanto alle tecniche di coltivazione tradizionali, troviamo facilmente altre tecniche di coltivazione come:

  • in permacultura

  • a rotazioni colturali

  • con le regole delle consociazioni

  • in sinergia

  • in biodinamica

Come sempre più spesso accade, tutte queste tecniche innovative vengono utilizzate insieme.

L’obiettivo dell’orticoltura moderna è sempre più quello di puntare verso un approccio eco-compatibile ed eco-sostenibile, che rispetti la natura e la sua biodiversità.

Tutti sono alla ricerca di prodotti sempre più biologici, purtroppo non tutti sanno come ottenerli.

Scoprire, allora,  come coltivare un orto con queste tecniche può davvero fare la differenza.

Vuoi saperne di più?

 APPROFONDISCI ORA

Come coltivare un orto se non abbiamo un campo aperto

Come Coltivare un Orto per Produrre da Soli Ortaggi e Verdure

Qual è la prima cosa che ti viene in mente quando pronuncio la parola orto?

Probabilmente un piccolo pezzo di terra, all’aperto, dove crescono pomodori, cicorie, cavoli ecc.

Forse non sai che si possono coltivare verdure, ortaggi e frutta praticamente ovunque.

Abbiamo ad esempio già visto che è possibile fare orti su tetti e terrazzi.

Oggi l’agricoltura urbana gioca un ruolo fondamentale e, sullo stimolo di una società che sta cambiando,  molti hanno finalmente compreso che autoprodotto è meglio.

Così come è possibile coltivare piante aromatiche in balcone o coltivare erbe aromatiche direttamente in cucina  magari in vaso, rendendoci conto, finalmente,  che possiamo coltivare da soli il cappero e l’anice  come anche zenzero  e curcuma  o il comune origano, è possibile coltivare gli ortaggi e le verdure in casa semplicemente.

Presto vedremo come coltivare l’orto in casa con gli strumenti più comuni al mondo ovvero vasi e sottovasi.

Nel frattempo se hai domande siamo qui per te: lasciale utilizzando il box dei commenti che trovi qui in basso.

Non dimenticarti di iscriverti alla nostra Newsletter per non perdere i prossimi articoli.

A presto.



Articoli correlati

Colazione Equilibrata: 5 Idee per Iniziare Meglio la Giornata
Colazione Equilibrata: 5 Idee per Iniziare Meglio la Giornata
La mattina è il momento della giornata più importante perché, dopo una notte di digiuno e riposo, è fondamentale risv...
Leggi
Mangiare Verdura: Ecco Perché Portarla a Tavola Ogni Giorno
Mangiare Verdura: Ecco Perché Portarla a Tavola Ogni Giorno
Fin da piccoli ci viene insegnato che gli ortaggi fanno bene, ed è proprio così. Molti bambini tendono a rifiutare in...
Leggi
Coltivare Funghi: Cosa Devi Sapere per Iniziare a Coltivarli in Casa!
Coltivare Funghi: Cosa Devi Sapere per Iniziare a Coltivarli in Casa!
Con questo articolo, voglio inaugurare una nuova categoria del blog: "Coltivazioni da reddito". Parleremo nello speci...
Leggi

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati